2

Why is Google different? Look at their offices!

Posted by Giorgio Tomassetti on 19:53 in
Google (GOOG) opened a new office in Kirkland, Washington -- just outside of Seattle. It's got a climbing wall, bean bags and a huge cafeteria. There's a puzzle embedded in the carpet! You can plug a USB card into the workout machines in the gym.






Source: Business Insider

Link |
0

The real price of bottled water

Posted by Giorgio Tomassetti on 21:42
Far too many countries purchase bottled water instead of just purchasing it from the tap. Not only is this common practice wasteful, the water consumed is frequently less safe than what comes out of your faucet. Read more about the truth of bottled water in this graphic.
Click here to view the infographic.

Link |
0

The Future of Marketing by Eric Schmidt, CEO of Google

Posted by Giorgio Tomassetti on 13:37 in , ,
In this video from the ANA Annual Conference "Masters of Marketing" in Phoenix, AZ, Eric Schmidt, CEO of Google, talks about the future of marketing and the role that technology will play. He believes that location is going to be an important piece of information in every successful marketing campaign, in order to deliver targeted adverising. He also emphasizes the importance of measurements in both the online and off-line world.



Link |
0

Bill Gates and Warren Buffett at Columbia Business School

Posted by Giorgio Tomassetti on 13:03 in , ,
On November 12, Bill Gates and Warren Buffett sat down together and took questions from students at Columbia Business School in New York City.
















Gates and Buffett, other than being the richest people in the world, are great friends. In this video they share their thoughts about business, philanthropy and a lot more.

Link |
0

How is information different from confusion?

Posted by Giorgio Tomassetti on 21:57 in
Here is a cool inforgraphic that explains you how information is related to confusion.


Image and video hosting by TinyPic

From Jessica Hagy on Indexed.


Link |
0

Is this really the future of indoor transportation?

Posted by Giorgio Tomassetti on 21:18 in ,
Honda has unveiled an electric personal transporter they say may be the future of indoor transportation in Japan.


Link |
0

Video: The Google Story

Posted by Giorgio Tomassetti on 21:43 in ,
A (very) quick look back at the Google story over the last 11 years. From Stanford to Mountain View and around the world, featuring many different products, starting with BackRub (Search) up to Google Wave, StreetView and Chrome.


Link |
0

FoodScanner - Easly keep track of what you eat

Posted by Giorgio Tomassetti on 11:00 in ,
FoodScanner uses the iPhone’s built-in camera to scan barcodes of food items. Using DailyBurn’s database over 200,000 food products, you can scan what you eat (or what you are thinking about eating) and get the nutritional information and your daily calorie count.

FoodScanner Demo from Andy Smith on Vimeo.




From: Mashable

Link |
0

Social networking sites have educational benefits

Posted by Giorgio Tomassetti on 20:26 in , , ,
University of Minnesota researcher Christine Greenhow breaks down how her research has found that social networking sites like Facebook and Myspace can have an impact for learning and educational growth for high school students. By working with students in a Minneapolis high school to study how they use the social sites, she has discovered that the benefits may just outweigh any risks.


Link |
0

Now it's a great time to be a consumer

Posted by Giorgio Tomassetti on 19:34 in ,
As you can see from the graph, there has never been a better time to be a consumer in the United States.

Image and video hosting by TinyPic

The economic crises has caused massive job losses and hardship for millions, but it has also fostered a shoppers' paradise. Anyone who still has the means to spend can find unheard of deals.
Prices on everything from clothes to coffee to cat food are dropping, some faster than they have in half a century.
Hotel rooms cost travelers nearly 20% less, on average, than last year, the biggest decline since Smith Travel Research began collecting data in 1987. Home prices have dropped 30%, on average, from the peak in 2006. In some markets, they're down more than 50%. Homes in parts of Detroit are cheaper than a new car.


Overall, prices are tumbling at the fastest rate in decades. The government's Consumer Price Index, which measures the average price of goods and services purchased by households, has fallen 1.5% over the last 12 months. The reading for July showed a 2.1% annual decline, the biggest since 1950.


From: ABC News

Link |
0

Where is my laptop made? SourceMap.org shows you where things are really produced

Posted by Giorgio Tomassetti on 18:49 in , ,
Sourcemap is a website that allows you to understand how the global marketplace works. In fact, you are able to select different products and, for each one, you can see what is made of and where its components come from. By adding up the impact and location of all the parts, the website can also estimate the carbon footprint of each phase of the life cycle of an object.
SourceMap's intended to demonstrate how important supply chains are, and what the consequences of each part of the chain work out to be. It's set up like a social network, so that anyone from producers to end-users can take part.
For example, the following map shows you where your laptop is really made:


You can take a look at this video if you want to learn more about SourceMap:

Getting Started with Open Supply Chains from Matthew Hockenberry on Vimeo


SourceMap has been designed by the MIT Media Lab.


Link |
3

Il mio primo prestito su Kiva

Posted by Giorgio Tomassetti on 10:21 in ,
Qualche mese fa ho deciso di provare Kiva (www.kiva.org). Per chi non lo conoscesse, Kiva è il più famoso sito di social lending nel mondo. In altre parole, dà la possibilità a chiunque di prestare piccole somme di denaro a persone del terzo mondo. Non si tratta quindi di donazioni, ma di veri e propri prestiti.



Per il mio primo prestito ho scelto Nana Obeng Akrofi, un agricoltore ganese che voleva acquistare del legno e dei chiodi per il suo business. Ho caricato 25$ sul sito utilizzando PayPal e poi ho inviato il pagamento.



Image and video hosting by TinyPic

Ora che Nana ha finito di ripagare il suo debito, ho deciso di utilizzare quei 25$ per finanziare un altro imprenditore, Gerardo Ramón Sequeira Ruiz.



Sono convinto che il social lending sia un ottimo modo per aiutare gli imprenditori del terzo mondo a crescere il loro business, e quindi ad accrescere il loro benessere. A volte credo che sia anche più efficace delle semplici donazioni, che non sempre sappiamo che fine fanno.

Link |
2

Quanto costa aprire un'azienda in Europa?

Posted by Giorgio Tomassetti on 18:15 in ,
In questo documento redatto dall'Unione Europea è possibile comparare facilmente i costi da sostenere per avviare un'attività imprenditoriale in ognuno dei paesi della comunità. Sono anche indicati i giorni necessari per aprire un'azienda.


Per quanto riguarda i costi, il paese più oneroso è l'Italia, che richiede ai neo imprenditori ben 2673€ per iniziare la loro attività. Ecco qui la classifica con i principali paesi:




  1. Italia - 2673€
  2. Grecia - 1101€
  3. Olanda - 1040€
  4. Lussemburgo - 1000€
  5. Germania - 783€
  6. Spagna - 617€
  7. Belgio - 517€
  8. Austria - 385€
  9. Finlandia - 330€
  10. Svezia - 222€
  11. Francia - 84€
  12. Regno Unito - 54€
  13. Irlanda - 50€
  14. Slovenia - 0€
  15. Danimarca - 0€



Per quanto riguarda i giorni necessari per aprire un'azienda, la situazione è invece la seguente:



  1. Austria - 4-19
  2. Spagna - 17,5
  3. Svezia - 16
  4. Grecia - 15
  5. Lussemburgo - 14
  6. Finlandia - 8
  7. Germania - 6,5
  8. Francia - 4
  9. Italia - 4
  10. Danimarca - 3
  11. Olanda - 3
  12. Slovenia - 3
  13. Irlanda - 2-5
  14. Belgio - 1,5
  15. Regno Unito - 1



La media europea è:
  • giorni: 8-9,5
  • costo: 463€.

Link |
0

Watch our debt grow...

Posted by Giorgio Tomassetti on 19:06 in , ,

The Economist just launched the Global Public Debt Clock which allows you to easly get information about the public debt of most countries. It is also possible to compare them which each other to see which one has a healthier financial situation.
For example, if we look at the United States, this is what we find out:




Link |
0

Calculus in 20 minutes. It's possible!

Posted by Giorgio Tomassetti on 15:22 in , , ,



Link |
2

Viaggio in Europa con l'InterRail

Posted by Giorgio Tomassetti on 14:21 in , ,
Quest'estate ho passato un mese in giro per l'Europa con degli amici. Per fare questo, abbiamo deciso di acquistare l'InterRail Global Pass che ci ha permesso di prendere quasi ogni treno in Europa. E' stata decisamente un'esperienza positiva perché abbiamo visto molti posti e conosciuto molte culture.
Questa mappa mostra i luoghi che abbiamo visitato:

Vedere tutti questi posti in 30 giorni significa cambiare città ogni giorno. Ovviamente questo tipo di viaggio non ti permette di esplorare nel dettaglio i vari luoghi; ma questo non era l'obiettivo. Quello che questo tipo di viaggio ti permette di fare è acquisire un'immagine abbastanza chiara dell'Europa, con i suoi pregi e i suoi difetti. Molte sono le differenze che caratterizzano ancora oggi i vari paesi europei, ma posso dire che si iniziano anche a vedere dei tratti comuni, o meglio dei valori e delle aspirazioni comuni.
Per avere più informazioni sull'Interrail è possibile visitare il sito www.interrailnet.com.

Link |
0

Come prendiamo le nostre decisioni?

Posted by Giorgio Tomassetti on 18:02 in , ,
Guarda queste due immagini. Qual'è il tavolo più lungo? E quello più largo??



Probabilmente hai risposto che il tavolo a sinistra è più lungo mentre il tavolo a destra è più largo.

Se però stampi questa pagina e prendi un righello, ti accorgerai che i due tavoli sono assolutamente identici.

Quali conclusioni possiamo trarre da questo piccolo esperimento? Se credi che il tavolo a sinistra è più lungo di quello di destra vuol dire che sei umano. Ma il problema è che non solo ti sei sbagliato, ma probabilmente eri anche sicuro di aver risposto correttamente.

Come mai questo accade? Questo accade perché abbiamo due modi di pensare: uno è intuitivo e automatico, e l'altro è riflessivo e razionale. Il problema sorge quando utilizziamo il sistema sbagliato per prendere delle decisioni.
In molti casi ci affidiamo alla informazioni in nostro possesso, anche se spesso non sono rilevanti. Per esempio se ti offrissi un'assicurazione contro il terremoto, cosa mi diresti? E' stato provato che quando le persone devono decidere se prendere l'assicurazione o meno, si basano più sulle conoscenze e sulle esperienza in loro possesso (per esempio un loro amico è stato colpito dal terremoto), invece di basarsi sulle informazioni messe a disposizione dalla comunità scientifica, che molto spesso non considerano neanche.

Questo fenomeno, del tutto umano, ha però delle conseguenze che molto spesso non vengono considerate e portano ad una rappresentazione della realtà sbagliata.

Per la nostra mente, guadagnare o perdere 5€ non ha, in proporzione, lo stesso effetto. Le persone odiano perdere, e per questo a volte decidono di non rischiare. Questo spiega anche perché in molti casi i cambiamenti sono lenti e difficili anche se le prospettive di miglioramento sono evidenti.


Per scrivere questo articolo ho preso spunto dal libro "Nudge: Improving Decisions About Health, Wealth, and Happiness".



More about Nudge

Link |
0

Il futuro del mobile secondo Google

Posted by Giorgio Tomassetti on 20:29 in ,

Link |
0

La timeline della crisi finanziaria

Posted by Giorgio Tomassetti on 21:33 in ,
La "New York Fed" ha pubblicato questo documento che ripercorre gli eventi chiave dell'attuale crisi economica.

IRCTimelinePublic

Link |
0

Che cos'è l'economia comportamentale?

Posted by Giorgio Tomassetti on 18:19 in , , ,
Che cos'è l'economia comportamentale e in che cosa differisce dall'economia classica?
La cosiddetta "economia comportamentale", a cui molto spesso si fa riferimento con termine inglese "Behavioral Economics", si interessa degli stessi argomenti dell'economia classica ma, a differenza di quest'ultima, non presume la razionalità degli individui.
Nel video seguente Dan Ariely, autore del libro "Predictably Irrational", cerca di spiegare cosa significa veramente il termine "behavioral economics". Buona visione.






Questo è il libro Predictably Irrational: The Hidden Forces That Shape Our Decisions
di Dan Ariely:


Link |
0

Quale futuro per il "Location Based Advertising"?

Nei prossimi anni ognuno di noi sarà in grado di trasmettere in real-time una quantità molto maggiore di dati. Questo sarà possibile anche grazie alla capillare diffusione dei telefoni cellulari, e soprattutto dei cosiddetti smartphone, capaci di connettersi alla rete e di scambiare informazioni abbastanza agevolmente. Attualmente circa l'88% degli italiani usa regolarmente un cellulare.


Grazie ai telefonini è anche possibile sapere sempre dove ci troviamo e in un futuro non troppo lontano saremo in grado di condividere questa informazione per migliorare i servizi che ci vengono offerti. Un'interessante prospettiva legata all'uso della posizione geografica è il cosiddetto "location based advertising", cioè la pubblicità basata sulla location, che sarà in grado di fornirci le informazioni di cui abbiamo bisogno quando e dove ne abbiamo bisogno.
Per lo sviluppo di questa tecnologia è però necessaria la massima cautela nei confronti della privacy degli utenti, che dovranno sentirsi sempre in controllo totale dei propri dati. E' anche importante che i location based service siano in grado di fornire un vantaggio competitivo notevole a chi li usa; questo sempre per giustificare la condivisione di molti dati personali.


Sarà possibile, per esempio, passare difronte ad un negozio che vende un articolo a cui siamo interessati, e ricevere un'offerta personalizzata, o anche una semplice notificazione sul nostro cellulare.


Alcune aziende sembrano aver colto la potenzialità del mondo mobile. Questo è testimoniato sia dalla nascita di interessanti start-up e sia dagli ingenti investimenti che alcuni grandi gruppi stanno facendo nel mobile advertising. La Jaguar e la LandRover hanno recentemente deciso di investire 1.6 milioni di dollari in pubblicità sui cellulari.




Ecco qui un video prodotto dalla emittente televisiva americana CNN che riguarda il il mobile advertising con l'uso della location:

Link |
0

BicycleBanner - Marketing su due ruote

Posted by Giorgio Tomassetti on 20:58 in , , , ,



BicycleBanner (www.bicyclebanner.com) è un'azienda americana che propone un nuovo modo per fare advertising: qualcuno con una bicicletta gira intorno ad un area designata per un tempo stabilito, trasportando dietro di se un cartellone pubblicitario.
I costi sono 140$ per sei ore e 95$ per quattro ore.

Sul loro sito è anche possibile ordinare il kit che permette a chiunque di iniziare a fare questo lavoro. Il kit costa 699$ più le spese di spedizione.







Link |
0

Ecco come suonare con l'iPhone

Posted by Giorgio Tomassetti on 21:01 in , , ,
Ge Wang, professore a Standford e imprenditore, è riuscito a trasformare l'iPhone in un vero e proprio strumento musicale attraverso un'applicazione chiamata Smule Ocarina.

Per usarla basta soffiare in direzione del microfono dell'iPhone e, a seconda dell’intensità del soffio e della posizione delle dita sullo schermo, viene prodotto un suono.

Il video che segue è una dimostrazione pratica delle possibilità offerte da Smule Ocarina.


Link |
0

La lettera di Warren Buffett agli azionisti della Berkshire Hathaway

Posted by Giorgio Tomassetti on 17:30 in , ,
Ecco qui la lettera che Warren Buffett, l'uomo più ricco al mondo secondo la rivista Forbes, ha scritto per i suoi azionisti. Il 2008 è stato l'anno peggiore per la Berkshire, che opera dal 1965.

Warren Buffett Berkshire Hathaway 2008 Letter

Link |
1

L'attuale crisi finanziaria spiegata in 10 minuti

Posted by Giorgio Tomassetti on 16:54 in ,
Il video "The Crisis of Credit Visualized" spiega in modo chiaro e sintetico le ragioni dell'attuale crisi finanziaria, ripercorrendo i fatti che l'hanno determinata.
Buona visione!




The Crisis of Credit Visualized from Jonathan Jarvis on Vimeo.



Da: maestroalberto

Link |
2

Dial2do.com - La tua segretaria virtuale

Posted by Giorgio Tomassetti on 10:36 in , , ,




Dial2do.com è un servizio davvero molto innovativo e, soprattutto, comodo. Dopo essersi registrati al sito www.dial2do.com, basta chiamare un numero dal proprio cellulare (+390699268239), al prezzo di un urbana, e richiedere un servizio. Per esempio dicendo "email", e indicando il destinatario, possiamo inviare un messaggio di posta elettronica in pochi secondi.
Tra le tante funzioni è anche possibile creare dei "reminders", come per esempio "ricordati di prendere il latte", mandare degli sms (utile per chi ha ancora difficoltà a scrivere un messaggio e preferisce dettarlo a voce), aggiornare il proprio stato su Twitter e su alcuni Social Networks come per esempio Facebook, ascoltare le ultime notizie del New York Times e scoprire che tempo farà domani.
Da provare!




Link |
0

Il fenomeno del "drive-thru rap"

Posted by Giorgio Tomassetti on 13:21 in , , ,
I cosiddetti "drive-thru rap" sono video in cui delle persone si recano al drive-thru di un fast fast, di solito con degli amici che fanno partire una base musicale, e iniziano a "reppare", cioè a parlare molto velocemente a ritmo di musica. Ovviamente i dipendenti dei fast food non riescono a scrivere le ordinazioni che gli vengono fatte e non sempre reagiscono bene allo scherzo.
Il fenomeno dei drive-thru su YouTube è iniziato nel 2006 e questo è stato uno dei primi video:





Ora ve ne sono molti in giro per il web, ed è curioso sapere che Taco Bell, una famosa catena di fast food negli Stati Uniti, ha deciso lo scorso anno di realizzarne uno da utilizzare come pubblicità in televisione. Eccolo qui:






Infine vorrei segnalare questo video realizzato dagli RhettandLink (gli stessi che hanno fatto la "Facebook Song")





Link |
0

La scritta più piccola al mondo: SU

Posted by Giorgio Tomassetti on 14:37 in , , ,
Alla Standford University hanno realizzato la scritta più piccola al mondo, battendo così il record che apparteneva alla IBM. Questo è stato possibile mediante una tecnica che permette di scrivere le lettere di una parola di dimensioni più piccole di quelle di un atomo. Il video che hanno realizzato spiega in dettaglio l'esperimento.



Link |
0

Jinni.com - Motore di ricerca per film

Posted by Giorgio Tomassetti on 21:02 in , , ,
Discover movies and shows online in a whole new way at Jinni.com
Jinni.com è un motore di ricerca per i film che indicizza automaticamente le informazioni riguardanti i video, usando sia i commenti degli utenti, sia i dati ufficiali forniti dalle case produttrici. Questo permette, per esempio, di cercare i film in base al nostro stato d'animo, in base all'anno di produzione, in base alla popolarità e, ovviamente, in base al titolo.
Per scoprire come funziona potete guardare il video che hanno realizzato.





Link |
0

Le multe sono un deterrente o un incentivo? Dipende...

Posted by Giorgio Tomassetti on 19:18 in , , ,
Oggi vorrei raccontarvi di un esperimento condotto da alcuni economisti in degli asili di Haifa, Israele, per capire in che modo un deterrente può trasformarsi in un incentivo.
Gli asili avevano questo problema: sempre più genitori andavano a prendere i figli in ritardo, costringendo così il personale dell'asilo a rimanere sul posto di lavoro per più tempo (gratuitamente). Gli economisti decisero allora di proporre l'introduzione di una specie di multa per i genitori che arrivavano in ritardo.



L'esperimento è durato 20 settimane. Durante le prime quattro, gli economisti hanno registrato il numero di ritardi, che erano in media 8 alla settimana per ogni asilo.

Nella quinta settimana gli asili hanno introdotto la multa: ogni genitore che arrivava con più di dieci minuti di ritardo, doveva pagare 3$ ogni volta.


Nei giorni seguenti all'introduzione della multa i ritardi...aumentarono: dopo poco diventarono venti alla settimana, più del doppio rispetto a prima.



Quello che doveva essere un deterrente era diventato un incentivo per i genitori ritardatari, perché al prezzo di 3$ al giorno potevano arrivare con calma all'asilo, senza preoccuparsi più di essere in ritardo. In qualche modo si sentivano giustificati nel fare ritardo, perché quel ritardo aveva un costo quasi irrisorio per loro.



Questa storia è tratta dal libro "Freakonomics: A Rogue Economist Explores the Hidden Side of Everything"(www.freakonomicsbook.com) di Steven Levitt e Stephen J. Dubner.




Foto di: leafar

Link |
0

Cosa succede quando facciamo una ricerca su Google?

Posted by Giorgio Tomassetti on 21:47 in , ,
Cosa succede quando facciamo una ricerca su Google?
Ce lo spiega Marissa Mayer (vice presidente di Google per il settore search e user experience) in questo video.




Link |
0

Il discorso di inaugurazione di Barack Obama, il 44° Presidente degli Stati Uniti d'America

Posted by Giorgio Tomassetti on 19:25 in , ,
Discorso Obama

Link |
0

La vittoria di Barak sul web

Posted by Giorgio Tomassetti on 18:34 in ,
La vittoria di Barak Obama alle ultime elezioni è stata sicuramente favorita dall'uso che il presidente eletto, e il suo staff, hanno fatto di internet. Grazie a questo mezzo è riuscito, oltre che a finanziare la sua campagna elettorale, a far entrare il suo messaggio nelle case degli americani.
Ecco qui i numeri che hanno permesso questa sorta di "miracolo digitale".


Questa immagine è tratta dal report "Obama social media campaign" della Edelman disponibile qui: http://tinyurl.com/ax2b6b

Link |
1

Obamatopia - Un'America diversa

Posted by Giorgio Tomassetti on 15:54 in , ,
Qualche giorno fa mi sono imbattuto in questo video molto divertente che cerca di immaginare (con molta fantasia) come sarà l'America nel 2015. Il protagonista è un ragazzo che si è svegliato dal coma dopo sette anni, trovando così una nazione completamente trasformata. Obama è stato eletto presidente per la seconda volta ed è ormai venerato come un dio.
Dato che mancano solo pochi giorni all'insediamento del 44° Presidente degli Stati Uniti, ho ritenuto giusto riproporlo.
Buona visione!


Link |
2

Perchè i bambini asiatici sono più bravi in matematica?

Posted by Giorgio Tomassetti on 20:40 in , , ,
Guarda questi numeri: 4,8,5,3,9,7,6. Ora leggili ad alta voce. Adesso alza lo sguardo e in venti secondi cerca di memorizzare la sequenza prima di dirla di nuovo ad alta voce.
Se parli inglese o italiano, hai circa il 50% di probabilità di ricordare questa sequenza perfettamente.
Se sei cinese, invece, l'avrai sicuramente memorizzata. Perchè?
Chinese class
Perchè la nostra mente ricorda meglio quello che riusciamo a dire o a leggere in meno di due secondi. Un cinese ricorda tutti i numeri perchè la sua lingua gli permette di dirli (o leggerli) in meno di due secondi. Questo esempio è tratto dal libro “The Number Sense” di Stanislas Dehaene.
Il nostro sisteme numerico è molto irregolare, mentre in Cina, in Giappone e in Corea non è così. Il loro sistema, infatti, procede in modo estremamente logico: undici è, per esempio, dieci-uno; dodici è dieci-due, ecc...
Questa differenza spiega perchè i bambini asiatici imparano a contare prima dei bambini italiani. Un bambino cinese di quattro anni può contare in media fino a quaranta. Un bambino americano, invece, non arriva a contare fino a quaranta prima dei cinque anni.
Gli asiatici, inoltre, hanno più facilità nell'eseguere dei semplici calcoli (addizioni, sottrazioni) e, come spiegato sopra, riescono a ricordare più numeri, perchè riescono a dirli più velocemente.

In un test internazionale di matematica, gli studenti in Giappone, Corea del Sud, Hong Kong, Singapore e Taiwan hanno una media che si aggira intorno all'98%. Gli Stati Uniti, l'Italia, la Francia, la Germania, e gli altri paesi occidentali industrializzati, invece, ottengono un punteggio tra il 26% e 36%. C'è quindi una bella differenza.

Molte delle informazioni presenti in questo articolo sono state tratte dal libro Outliers di Malcolm Gladwell, di cui ho già parlato in precedenza in questo post: http://giorgiotomassetti.blogspot.com/2009/01/la-regola-delle-10000-ore.html

Foto di: clevercl@i®ê

Link |
0

Come funziona Kiva.org?

Posted by Giorgio Tomassetti on 21:55 in , , ,
Questo video mostra in che modo Kiva, il sito più famoso di social lending nel mondo, (www.kiva.org), opera.


Kiva Microfunds è un organizzazione non-profit con sede a San Francisco, che permette alle persone di prestare dei soldi (in genere piccole somme) attraverso internet per finanziare progetti imprenditoriali, soprattuto nei paesi del terzo mondo. Si può contribuire a questo processo attivamente iscrivendosi al sito e iniziando a prestare.




Kiva from JD Lasica on Vimeo.


Per chi fosse interessato all'argomento, consiglio la lettura del libro "Un mondo senza povertà" di Muhammad Yunus, l'ideatore del microcredito.

Link |
0

Il successo di Facebook in Italia

Posted by Giorgio Tomassetti on 18:49 in , ,
Questo grafico mostra il numero di utenti di Facebook in Italia. La crescita esponenziale evidenzia la diffusione, e quindi il successo che il social network sta avendo in questi mesi.


Link |
0

La regola delle 10.000 ore

Posted by Giorgio Tomassetti on 21:17 in , , ,

La regola delle 10.000 ore fu formulata per la prima volta in uno studio fatto dallo psicologo K. Anders Ericsson e due colleghi all'Accademia della Musica di Berlino. L'esperimento era nato con l'intento di scoprire se l'allenamento contava più del talento per un musicista.
Per prima cosa gli studiosi divisero gli studenti della classe di violino in tre gruppi: nel primo c'erano le star, cioè gli studenti con ottime potenzialità per diventare veri e propri professionisti; nel secondo gruppo c'erano quelli bravi, ma non troppo e, infine, nel terzo gruppo c'erano i ragazzi che non sembravano avere le abilità necessarie per diventare degli ottimi esecutori. Tutti i partecipanti avevano iniziato a suonare il violino più o meno alla stessa età, e cioè a cinque anni. Nei primi anni di studio ognuno di loro si era esercitato per circa due-tre ore alla settimana; ma all'età di otto anni, alcune differenze iniziarono ad emergere: alcuni ragazzi, infatti, avevano iniziato ad allenarsi per molte più ore rispetto ai loro colleghi. Questi ragazzi, scoprirono gli studiosi, erano quelli “destinati” a diventare i migliori esecutori della loro classe. Raggiunti i venti anni, infatti, questi ragazzi avevano totalizzato più di 10.000 ore di studio del proprio strumento; ed ecco confermata la regola delle 10.000 ore, che afferma che ognuno di noi ha bisogno di circa 10.000 di “allenamento” prima di diventare un cosiddetto “esperto del settore”.
Lo stesso fenomeno è stato poi riscontrato con un gruppo di pianisti, e questo ha permesso agli studiosi di affermare che quando un musicista possiede le abilità per diventare un ottimo esecutore, quello che fa la differenza è il numero di ore che lui/lei passa ad allenarsi al proprio strumento.
Questo concetto è stato poi ampliato con ulteriori esperimenti e con ulteriori studi e si è scoperto che, quelli che Malcolm Gladwell definisce “outliers” nel suo ultimo libro (in questo caso i musicisti che sono diventati i migliori della classe) sono diventati tali dopo aver totalizzato un numero di ore di allenamento di circa 10000 ore.
Gladwell ripercorre anche la vita di Bill Gates per evidenziare gli eventi che lo hanno portato al successo. Ecco qui i fattori che hanno permesso a Gates di diventare un outlier per eccellenza:
  1. Gates ha frequentato il Lakeside College dove nel 1968 c'era uno dei primi time-sharing terminal, che gli studenti potevano usare dietro pagamento, e i genitori di Gates potevano permettersi di pagare
  2. uno dei genitori della scuola ha chiesto a Gates di lavorare per la C-Cubed, che aveva bisogno di qualcuno per contollare del codice nei weekend.
  3. Gates ha scoperto l'esistenza dell'ISI, e l'ISI aveva bisogno di qualcuno.
  4. Gates viveva molto vicino all'università di Washington, e l'università dava la possibilità di usare i computer gratuitamente dalle 3 alle 6 di notte.
  5. la TRW ha chiesto a Gates di lavorare con loro
  6. Lakeside ha dato la possibilità a Bill di scrivere codice
  7. Gates ha quindi avuto la possibilità di accumulare le sue 10.000 ore di allenamento scrivendo codice prima di lasciare Harvand per fondare la sua azienda di computer. Egli aveva quindi l'esperienza necessaria per avere successo.

Ecco qui un video in cui Malcolm Gladwell spiega il suo ultimo libro Outliers:


Questo è il libro in italiano:



Foto di: Somewhat Frank

Link |

Copyright © 2009 Giorgio Tomassetti All rights reserved. Theme by Laptop Geek. | Bloggerized by FalconHive.